header-attivita-eventi-gardone3
header-attivita-eventi-gardone2
Sei in:Home page Attività & Eventi THE DREAM SYNDICATE

THE DREAM SYNDICATE

TENER A MENTE

THE DREAM SYNDICATE

The Dream Syndicate nascono nel 1981 a Los Angeles dalle ceneri dei Suspects. Il gruppo fa il suo esordio nell’82 con l’omonimo “The Dream Syndicate”. Il disco, prodotto da Chris D. dei Flesh Eaters, dà il via a una nuova stagione del rock alternativo, il Paisley Underground, di cui sono considerati i massimi esponenti.

Due anni dopo, nel 1984, esce “Medicine Show”, prodotto da Sandy Pearlman via A&M Records. Il terzo disco, “Out of the Grey”, esce nel 1986 per la Big Time Records, con una nuova formazione: Wynn, Duck, Mark Walton al basso e Paul B. Cutler alla chitarra solista. Due anni dopo, poco prima dello scioglimento, The Dream Syndicate pubblicano il loro ultimo album, “Ghost Stories”.

Dopo quasi trent’anni di silenzio, i leggendari Dream Syndicate tornano con “How Did I Find Myself Here?”, il nuovo lavoro di studio pubblicato lo scorso anno su etichetta Anti.
A proposito del nuovo progetto, Steve Wynn afferma: “A un certo punto durante la creazione del nuovo disco ho detto ai miei compagni: Ehi, abbiamo solo una possibilità nella vita di creare un primo album dei The Dream Syndicate per la prima volta dopo 30 anni… Abbiamo sentito che le probabilità erano a nostro favore. Gli oltre 50 concerti che abbiamo suonato da quando ci siamo riuniti nel 2012 sono stati tra i migliori live che il gruppo abbia mai suonato, il mix perfetto di improvvisazione e groove rock che da sempre è stato il marchio del gruppo.
Ho scritto alcune canzoni da portare al Montrose Studios di Richmond in Virginia, dove ho lavorato spesso negli ultimi anni e ho ritenuto che fosse il rifugio perfetto dove poter svolgere il nostro laboratorio di passato, presente e futuro. E’ il tipo di studio dove si può afferrare una chitarra, un sandwich, una tazza di caffè o una birra e passeggiare, pronti a lavorare a quasi tutte le ore del giorno. The Dream Syndicate, dopo tutto, non sono mai stati schiavi del tempo e dello spazio. La magia? Era lì. In poco meno di una settimana abbiamo registrato molto più di quanto avevamo bisogno”.
Continua Steve Wynn: “A completamento del cerchio tra presente e passato, una delle canzoni più intriganti che abbiamo registrato era una trance ipnotica chiamata “Recurring”. Il brano e il riff erano freschi, la registrazione suggestiva e bella, ma ho capito subito che il cantante perfetto sarebbe stata la nostra originale bassista, Kendra Smith. La canzone, ora intitolata “Kendra’s dream”, è la coda perfetta di “How Did I Find Myself Here?”, legando le estremità sciolte del passato e aprendole nuovamente al futuro”.

Più informazioni sul sito

ATELIER HOTEL ART COLLECTION

ATELIER CLASSIC - Via Roma, 27 Gardone Riviera (BS) ATELIER DESIGN - Corso Zanardelli, 26 Gardone Riviera (BS)
+39.0365.40242 - info@atelier-hotel.it

© 2018 T.M. SRL - Atelier Hotels Art Collection - P.IVA 02896710981
Prenota Chiama